Successo la cena per il Gaslini organizzata da Claudio Pasquarelli

La cena di beneficenza per il Gaslini organizzata da Claudio Pasquarelli il primo luglio nel suo ristorante di Bergeggi ha riscosso grande successo. L’intero incasso della serata, ben Euro 22.020, è stato messo a disposizione dell’Ospedale genovese specializzato nella cura pediatrica. Si è così riusciti nell’intento di acquistare un’importante apparecchiatura per i neonati che insieme al Dott. Petralia, Direttore dell’istituto era stata individuata e della quale l’ospedale Gaslini era sprovvisto:

 

 

 

 

 

 

 

Unico apparecchio certificato per il trasporto terrestre e aereo di raffreddamento attivo per il trasporto dei pazienti affetti da encefalopatia ipossico ischemica che necessitano di trattamento termico.
L’attuale raffreddamento passivo presenta un duplice rischio: raffreddamento troppo accentuato (rischioso per il paziente) e non efficacia dello stesso (mancata protezione cerebrale del paziente).

Ci piace precisare che è stato devoluto l’intero importo raccolto nella serata e non una parte: Claudio Pasquarelli a fine serata era visibilmente soddisfatto:

La serata di lunedi 1 luglio ci ha permesso di arrivare a 22.020 euro una somma che è andata anche oltre le aspettative, e mi fa essere orgoglioso e felice di quello che abbiamo fatto. 
La cena dedicata a Fabrizio de André, è stata apprezzata da tutti gli ospiti, specialmente la ricerca delle ricette originali di tutti i mesi passati e l’abbinamento ai piatti e ai fiori delle sue canzoni.
Un grazie va a tutti i miei collaboratori, a Lara, Christian, Alessio che mi hanno seguito nella mia idea, e a tutti coloro che mi hanno aiutato durante la serata, Marco che ha presentato, il barman che ha proposto il suo cocktail Creuza de Ma, gli artisti che hanno suonato, e chi mi ha prestato le strutture audiovisive.
Viva la Liguria, che ha dimostrato di rispondere positivamente, viva il Gaslini, una realtà unica in Italia e viva il Genoa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *